Social Links

+39 (438) 894149      
This site can be read in the following languages:

Sul blog Biowein

sul blog Biowein

Erich Hartl ha scritto della nostra azienda, delle vigne e del Lunatico sul blog Biowein.

Traduzione a cura di Maurizio Lutman che ringraziamo.

“Un prosecco unico, piacevolmente fresco, vivace, molto curato, pulito, con sentore di fiori selvatici bianchi, agrumi e mele verdi. Molto fine, e piacevole per il palato grazie ai suoi aromi freschi e profumati. Ottimo per apertivi, antipasti, pasti leggeri o da degustazione.

Azienda agricola Francesca rizzi: Francesca dispone soltanto di un minuscolo vigneto che apparteneva alla casa vacanze della sua famiglia, mentre lei viveva a Venezia. Quindici anni fa Francesca ha deciso di prendere in mano la cura del vigneto per iniziare a produrre un vino privo di prodotti chimici e pesticidi.

Le vigne di Francesca sorgono sui ripidi fianchi della collina, sulla cui cima è situata l’abitazione. Da qui si possono ammirare i vigneti che sorgono tra Conegliano e Valdobbiadene e che si estendono a sud fino a Treviso. Qui cresce l’uva Prosecco più a buon mercato e di minor pregio. Qui il raccolto è doppio o triplo rispetto ad altri posti e tutte le procedure dedicate alla vendemmia possono essere fatte con appositi macchinari.

Si assiste ad una situazione totalmente diversa da Francesca. Non soltanto il vigneto risulta essere isolato rispetto agli altri per la sua altitudine, ma risulta essere separato da altri terreni coltivabili grazie alla boscaglia. Le vigne così non possono essere contaminate da pesticidi, che eventualmente potrebbero essere sparsi sui terreni circostanti. Dunque condizioni ideali per il vigneto biologico, così come per la produzione di prodotti ad alta qualità corrispondenti ai nostri standard.

Pensando al metodo di lavoro idealistico di Francesca, si potrebbe pensare al nome inglese Lunatic come a qualcosa di pazzo, ma dopo aver provato questo Prosecco, si capisce che il lavoro paga e che ne è risultata un’ottima qualità. La luna gioca davvero un’influenza rilevante sulle vigne.

Il giudizio del novembre 2011 di Bob Tyler sul Sunday Times recitava: Lunatico è il miglior vino che io abbia mai assaggiato, molto più rinfrescante di altri tre Champagne che ho provato in quel momento.”

Comments (0)